This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Referendum Costituzionale 2016 - Comunicati Stampa

Date:

11/25/2016


Referendum Costituzionale 2016 - Comunicati Stampa

Si riportano comunicati stampa diramati dalla Farnesina in merito al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016:

 

1) Referendum: le operazioni di voto all’estero chiudono alle ore 16 locali del 1° dicembre

In relazione a notizie apparse su organi di stampa e circolate anche su social media, la Farnesina tiene a precisare che le operazioni di voto all’estero chiudono alle ore 16 locali del 1° dicembre. Se è pur vero che la Legge dispone che l’elettore debba spedire la busta con la scheda votata “non oltre il decimo giorno precedente la data stabilita per le votazioni in Italia” (art. 12 co. 6, L. 459/2001) – ossia, in questo caso, non oltre il 24 novembre – tale termine è puramente ordinatorio e non perentorio, come chiarito anche dalla successiva disposizione che prevede che gli uffici consolari devono inviare in Italia “le buste comunque pervenute non oltre le ore 16, ora locale, del giovedì antecedente la data stabilita per le votazioni in Italia” (art. 12 co. 7, L. 459/2001), ossia appunto il 1° dicembre. Gli elettori all’estero sono invitati ad attenersi alle indicazioni contenute nel foglio informativo contenuto nel plico ricevuto dal consolato e a non dare credito a informazioni in contraddizione con quanto ivi indicato.

2) Referendum: incontro del Ministro Gentiloni e dei vertici del Ministero degli Esteri con i Comitati per il Sì e per il No

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni ha ricevuto le delegazioni dei Comitati per il Sì (On. Ettore Rosato, On. Maurizio Lupi, Sen. Roberto Cociancich, Sen. Aldo di Biagio, Dr. Antonio Funiciello, Sen. Francesco Giacobbe) e per il No (Sen. Gaetano Quagliariello, On. Renato Brunetta, Sen. Guido Calvi, On. Alfiero Grandi, On. Roberto Menia) oggi pomeriggio alla Farnesina. Il Ministro Gentiloni era accompagnato, tra gli altri, dal Segretario Generale Ambasciatrice Elisabetta Belloni e dal Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie Ambasciatrice Cristina Ravaglia. Nel corso dell’incontro i responsabili della Farnesina hanno ribadito l’impegno e l’assoluta imparzialità con cui l’intera rete diplomatico-consolare sta lavorando per attuare quanto previsto dalla Legge n. 459/2001.

3) Referendum costituzionale: precisazioni sulle operazioni di voto all’estero

In merito alle notizie stampa diffuse ed a quanto apparso su alcuni social media, circa e procedure di consegna del materiale elettorale ai connazionali all’estero in vista del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, secondo quanto previsto dalla L. 459/2001 (art. 12 c. 3), la Farnesina precisa quanto segue:

  • Un eventuale tentativo di doppio voto sarebbe immediatamente identificabile in sede di scrutinio e conseguentemente annullato, poiché il codice elettore apparirebbe due volte. La stessa Legge 459/2001 prevede tale eventualità e dispone al riguardo, all'articolo 14, comma 3, lettera c.. Tutti gli elettori sono informati del divieto del doppio voto, con apposito avviso contenuto nel foglio informativo inserito nel plico elettorale. Gli uffici consolari sono stati allertati che per ogni caso di doppia spedizione che venga segnalato, dovranno reiterare agli interessati l’ammonizione di legge e fornire un prepagato per la restituzione del plico duplicato.
  • L'art. 5 del D.P.R. n. 104/2003 (Regolamento di attuazione della L. 459/2001) prevede la comunicazione e la diffusione dei dati degli elettori unicamente per finalità politico-elettorali. Gli elenchi “ostensibili” sono univoci, sicché i comitati referendari possiedono gli stessi indirizzi posseduti dagli uffici consolari.
  • Chi non ha ricevuto il plico entro il 20 novembre può fare richiesta di un duplicato all’ufficio consolare di riferimento.
  • Si esclude categoricamente la possibilità che materiale propagandistico possa essere stato immesso nei plichi elettorali.
  • La scheda referendaria contenuta nel plico elettorale NON deve essere né firmata né timbrata dal Consolato. Come stabilito dall’articolo 14 della L. 459/2001, nell’apposito spazio sul retro della scheda deve essere apposto il “bollo di sezione” da parte del Vicepresidente del seggio, in sede di scrutinio.
  • L’elettore che riceve il plico è tenuto ad esprimere personalmente il voto, come specificato nel foglio informativo contenuto nel plico elettorale. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, nonché gli uffici consolari all’estero, hanno il dovere di segnalare ogni notizia di reato elettorale giunta a loro conoscenza.

138